Categories
22 dicembre
2014
Il Natale La tavola
4813 Views

Cenone della vigilia o pranzo di Natale? L’eterno dilemma

Meno 3, 2, 1…  è ora di tirare fuori il servizio buono, fare la spesa dell’ultimo minuto, preparare il menù e mettersi ai fornelli e… si festeggia!

E’ il momento di mettersi a tavola e festeggiare il Natale.

In Italia la tradizione è duplice: per la cena della Vigilia si usa mangiare pesce o comunque piatti di magro. Per il pranzo di Natale, invece, largo a ogni tipo di abbondanza culinaria. Molte famiglie festeggiano entrambi gli eventi, ma in fondo al cuore ognuno ha una predilezione speciale: cena o pranzo? Vigilia o Natale? Pesce o carne?

Voi che preferenza avete? Cenone alla vigilia o pranzo di Natale?

Fino a qualche decennio fa, le tradizioni erano chiare: nel centro e sud Italia si festeggiava il cenone della Vigilia, mentre al nord era d’obbligo il pranzo di Natale. Ma oggi i confini si sono sfumati.

La Vigilia di Natale è la sera o il giorno prima di Natale, che si verifica il 24 dicembre 2014 nel cristianesimo occidentale ma anche nel mondo laico, ed è considerato una delle celebrazioni più culturalmente significative della cristianità e della società occidentale, dove è ampiamente osservato, da cristiani e da molti altri, come una totale o parziale vacanza in previsione del giorno di Natale.

Le celebrazioni natalizie hanno da tempo inizio la notte del 24, in parte a causa della giornata liturgico cristiano a partire al tramonto, una pratica ereditata dalla tradizione ebraica e basata sulla storia della creazione nel libro della Genesi. La tradizione vuole che durante la notte della vigilia sia avvenuta la nascita di Gesù, e in commemorazione della sua nascita si celebra la messa di mezzanotte la vigilia di Natale.

La vigilia di Natale viene indicato come Heilige Nacht (notte Santa) in tedesco, Nochebuena (Notte buona) in spagnolo e anche in altre espressioni di spiritualità di Natale, come ad esempio la canzone “Silent Night, Holy Night“.

Molte altre diverse tradizioni ed esperienze culturali sono associate alla vigilia di Natale in tutto il mondo, l’incontro tra familiari e amici, il canto dei Canti di Natale, l’illuminazione delle luci di Natale, alberi e altre decorazioni, il confezionamento e / o apertura dei doni, e la preparazione generale per il giorno di Natale.

La sera della vigilia di Natale, inoltre, leggendarie figure Natalizie tra cui Babbo Natale, Gesù Bambino, e San Nicola sono in partenza per il loro viaggio annuale per consegnare i regali ai bambini di tutto il mondo, alla mezzanotte della vigilia di Natale, anche se fino all’introduzione protestante della figura di Christkind nel XVI secolo in Europa, i don cenivano consegnati alla vigilia della festività di San Nicola (6 dicembre).

24 Dicembre: Cena della Vigilia

Ritorniamo alla cena della Vigilia, spesso la cena della vigilia di Natale è più importante del pranzo di Natale, perché, come già indicato, la Santa Messa viene celebrata a mezzanotte e durante la notte verranno consegnati i doni.

Se scegliete di festeggiare il Natale con la cena della vigilia, ricordate che è tradizione preparare una cena “di magro”, cioè senza carne.

In molte regioni è tradizione mangiare l’anguilla o il capitone, ma trovano ampio spazio anche tutti i tipi di crostacei; nel nord Italia sono poi diffusi cibi non proprio locali, ma ghiottissimi, come il caviale, le ostriche o il salmone affumicato.

Questa cena precede la Messa di mezzanotte. Nelle regioni più fredde e più, la Messa è spesso seguita da cioccolata calda a casa con i biscotti o una fetta di panettone.

Gli antipasti sono normalmente a base di pesce; per esempio, Carpaccio di pesce spada, tonno o salmone (pesce spada, tonno, o fresco carpaccio di salmone), e / o insalata di polpo (pesce o polpo insalata).

Come primo piatto, in regioni come Lombardia, Piemonte ed EmiliaRomagna, vengono serviti agnolotti ripieni di ricotta e spinaci, patate o di zucca. Questi sono di solito serviti con burro, salvia e ParmigianoReggiano. Ma l’originalità di alcune tradizioni può andare agli estremi come il cialson preparata in Friuli, che sono i ravioli ripieni di ricotta, uvetta e / o fichi secchi, spinaci, cioccolato e cedro candito! In Veneto, esistono i bigoi in salsa, che sono una sorta di grossi spaghetti di grano saraceno, conditi con una deliziosa crema di acciughe e cipolle. L’anguilla o capitone è un piatto molto tradizionale, e viene cucinato in molti modi diversi in tutta Italia. In alcune parti della Sicilia, si preparano involtini di pesce spada a base di pangrattato, succo d’arancia, pinoli, uvetta secca, dragoncello, zenzero, aglio, prezzemolo e basilico.

Tradizionalmente i regali si aprono dopo cena, al ritorno dalla messa di mezzanotte; questa soluzione è perfetta se festeggiate con adulti, mentre per i bambini l’ora diventerebbe tardae aspettare la mezzanotte un vero supplizio …

In questo caso è meglio scegliere di festeggiare a pranzo: Babbo Natale arriva di notte e al risveglio i più piccoli potranno dedicarsi alla tanto agognata apertura dei doni!

25 Dicembre: Pranzo di Natale

Uno dei più importante pasti associati Natale che può durare anche per ore. La tavola deve essere bella e grande per accogliere i numerosi ospiti; i parenti con la tavola più grande di solito ospitano la festaPer il pranzo di Natale il menu deve, per tradizione, essere ricchissimo: una lunga lista di antipasti, cappelletti, agnolotti o ravioli come primo a seconda della vostra provenienza e poi un trionfo di arrosti; se ancora resta spazio, frutta secca e dolci natalizi.

Il pranzo di Natale, è spesso preceduto da un antipasto classico con tagli di salumi, guarnito con olive e formaggio. Al Nord,  inoltre, la tradizione prevede un’ampia scelta di antipasti. Quando il primo piatto di pasta è in tavola, è praticamente impossibile per qualsiasi italiano rifiutare una seconda porzione di Lasagne al forno. Questo tipo di pasta al forno è più comune nelle regioni centro meridionali d’Italia. Nel nord, le Lasagne verdi alla bolognese regnano sovrana, insieme a una grande varietà di paste ripiene come ad esempio cannelloni, ravioli o trotellini con diversi ripieni, con besciamella e ragù. Anche se le famiglie giovani di oggi hanno le loro alternative a queste scelte classiche, la maggioranza degli italiani preferisce il tradizionale pranzo di Natale.

Come secondo piatto, la carne è di rigore: vitello arrosto, brasato di manzo o pollo arrosto con patate.

I dolci sono elementi importanti per il menu di Natale sia per la cena della Vigilia che per il pranzo di Natale in tutta Italia. Sui dolci natalizi la tradizione italiana è molto ampia molti provenivano dai conventi, dove le suore hanno fatto particolari tipi di dolci per celebrare le principali festività religiose come il Natale, presentandoli come regali a eminenti prelati e alle famiglie nobili da cui loro madri superiori venuti. In Veneto le persone celebravano il Natale con il Tradizionale Pandoro di Verona, l’antagonista del Panettone (Lombardia). Le origini del dolce risalgono al 18° secolo, quando fu apprezzato dall’aristocrazia veneziana. E’ stato a Verona (nella zona di Venezia / Veneto) che la formula per fare il pandoro è nato. Questo dolce insiema al Panettone è diventato il dolce simbolo del Natale in tutta Italia, anche se in ogni Regione rimane una tradizone preparare i dolci tradizionali Natalizi.

C’è chi preferisce la cena della vigilia Natale e chi il pranzo del 25 Dicembre … voi come festeggiare il vostro Natale a tavola?


 

 



Leave a Reply







*

Commenti recenti

BENITO
2014-12-12 01:14:04
DA BABBO NATALE IO PREFERISCO UN REGALO, UNA BOTTE DI VINO ARAGOSTA. ****************************...
BENITO
2014-12-12 01:06:50
BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO....

Consigli per gli Acquisti

Popular Posts

Alberi di Natale a parete
31 ottobre 2014
Il Natale, La tavola
Alberi di Natale a parete
Un albero di Natale da parete per chi ha problemi di spazio o semplicemente per chi vuole un albero di Natale originale!
Disegni semplici da colorare di Natale
07 novembre 2014
Il Natale, La tavola
Disegni semplici da colorare di Natale
Colorate con i vostri bambini fantastici disegni Natalizi, dipingete le immagini di Natale con i numeri.
Decorazioni natalizie da esterno
12 novembre 2014
Il Natale, La tavola
Decorazioni natalizie da esterno
Stufi di Babbo Natale gonfiabile? Quest'anno avete deciso di inviare Rudolph e le sue amiche renne di Babbo Natale nel polo nord?

Offerte Speciali per il Natale da Mega 1941