La storia dell’Albero di Natale con addobbi e deorazioni per la gioia di grandi e piccini. Perchè l’albero di Natale?

  1. Abete simbolo di vita
  2. Alberi del paradiso
  3. Nicola e Venceslao
  4. Il Natale oggi

 

1. Abete simbolo di vita

L’abete o sempreverde è un antico simbolo della vita in pieno inverno. I Romani decorato le loro case con rami di abete durante il Capodanno, e gli antichi abitanti del nord Europa usavano tagliare dei pini per poi porli all’interno di scatole nelle loro case in inverno. Molti dei primi cristiani erano ostili a tali pratiche. Il teologo del II secolo, Tertulliano ha condannato quei cristiani che celebravano le feste invernali, o decorato le loro case con rami di alloro in onore dell’imperatore.

Durante il Medioevo, si diffuse la leggenda che il giorno della nascita di Cristo, in pieno inverno, ogni albero in tutto il mondo, miracolosamente, si scrollò di dosso il ghiaccio e la neve e produsse nuovi germogli. Allo stesso tempo, i missionari cristiani che predicano ai popoli germanici e slavi stavano prendendo un approccio più indulgente ai festeggiamenti con i sempreverdi. Questi missionari credevano che l’Incarnazione proclamasse Cristo su quei simboli naturali che erano stati precedentemente utilizzati per il culto di divinità pagane. Non solo gli esseri umani, ma culture, simboli e tradizioni furono convertiti.

Naturalmente, questo non significa che il culto degli dei pagani era tollerato. Secondo una leggenda, il missionario dell’VIII secolo Bonifacio, dopo aver tagliato una quercia sacra al dio pagano Thor (utilizzata per sacrifici umani), indicò un vicino abete come simbolo dell’amore e della misericordia di Dio.

2. Alberi del paradiso

Fino al Rinascimento non ci sono chiari riferimenti ad abeti utilizzati come simbolo del Natale. I primi accenni all’utilizzo di questa tradizione avvengono in Lettonia nel 1510 e a Strasburgo nel 1521. La leggenda accredita al riformatore protestante Martin Lutero l’invenzione dell’albero di Natale, ma la storia ha poco fondamento storico.

La teoria più probabile è che gli alberi di Natale abbiano avuto inizio con ile festività medievali. Drammi raffiguranti temi biblici erano parte del culto della chiesa, ma nel tardo Medioevo, erano diventati turbolenti, spettacoli fantasiosi dominati da laici e che si svolgono all’aria aperta. I giochi che celebrano la Natività erano legati alla storia della creazione, in parte perché la vigilia di Natale veniva anche considerato il giorno della festa di Adamo ed Eva. Così, durante la festa in quel giorno, il Giardino dell’Eden era simboleggiata da un albero del paradiso, albero da frutto.

Tali festeggiamenti furono vietati in molti luoghi durante il 16 ° secolo, e la gente forse ha cominciato a creare “alberi del paradisonelle loro case per compensare alla mancata celebrazione pubblica di cui non potevano più godere. I primi alberi di Natale (o rami sempreverdi) utilizzati nelle case sono stati indicati come paradisi”. Spesso vi venivano appese cialde di pasta rotonda a simboleggiare l’Eucaristia, che si sono trasformate negli ornamenti a forma di biscotto che decorano gli alberi di Natale tedeschi oggi.

L’usanza ha guadagnato la popolarità nel corso del 17° e 18° secolo, contro le proteste di alcuni membri del clero. Il ministro luterano Johann von Dannhauer, per esempio, si è lamentato (come Tertulliano) che il simbolo distraeva la gente dal vero motivo del festeggiamento, Gesù Cristo. Ma questo non ha impedito a molte chiese, di creare alberi di Natale all’interno dei santuari. Accanto all’albero spesso si trovavano “Piramidi” di legno porta candele, a volte uno per ogni membro della famiglia. Alla fine queste piramidi di candele sono state introdotte sull’albero, antenate delle nostre moderne luci e degli addobbi per l’albero di Natale.

3. Nicola e Venceslao

Free-Christmas-Tree-Live-WallpaperL’associazione Albero di Nataleragali di Natale è arrivata solo successivamente. Sebbene la leggenda colleghi l’idea di regali di Natale con i doni dei Magi portarono a Gesù, la vera storia è più complicata. Come gli alberi, i regali sono stati prima una pratica utilizzita dai romani durante il solstizio d’inverno. LEpifania, e più tardi il Natale, hanno sostituito il solstizio d’inverno, come un momento di festa per i cristiani. Ma in tarda antichità si era estinta la tradizione dello scambio dei doni, anche se i regali si scambiavano ancora a Capodanno.

I regali sono stati anche associati a San Nicola, vescovo di Myra (nell’odierna Turchia), che divenne famoso per aver offerto dei regali ai bambini poveri. La sua festa (6 dicembre) divenne così un’altra occasione per lo scambio di articoli da regalo. Durante il Medioevo, i regali di Natale hanno più spesso assunto la forma di tributi pagati ai monarchi, anche se alcuni governanti utilizzavano le festività natalizie come occasione per donare ai poveri o alla chiesa (in particolare duca Venceslao di Boemia, la cui storia ha ispirato il popolare canto, e Guglielmo il Conquistatore, che ha scelto il Natale del 1067 per fare una cospicua donazione al papa).

Ai tempi di Lutero, in Germania, Paesi Bassi e Scandinavia, si diffuse l’usanza di fare regali ad amici e familiari. Così come l’Albero di Natale era stato portato in famiglia anche la tradizione dei doni era entrata a far parte di una tradizione casalinga. Spesso questi venivano dati in forma anonima. Una usanza danese è stata quello di riavvolgere un regalo molte volte con nomi diversi su ogni confezione, in modo che il destinatario venisse scoperto solo all’apertura dell’ultima confezione.

4. Il Natale oggi

In Inghilterra, l’unione di regali, alberi, e Natale è stata influenzata della regina Vittoria e dal marito il principe Alberto, nativo di Sassonia (oggi parte della Germania). Immigrati tedeschi avevano portato l’usanza degli alberi di Natale con loro nei primi anni del 1800, ma questa tradizione Natalizia si è diffusa ampiamente dopo che i reali nel 1841 fecero realizzare un albero elaborato per i loro figli al Castello di Windsor. A questo punto, i regali di Natale erano solitamente appesi sull’albero stesso.

9109487-largeImmigrati tedeschi e olandesi portato le loro tradizioni di alberi e regali di Natale in America agli inizi del 1800. L’immagine di felice famiglie della classe media che si scambiava i doni intorno ad un albero è diventata un’immagine importante per gli autori americani e i leader civili che hanno voluto sostituire il vecchio Natale tradizionale con una festività più incentrata sulle famiglie. Questa immagine centrata sulla famiglia è stato ampiamente resa popolare nel 1822 attraverso il poema di Clement Moore, conosciuto oggi come “La notte prima di Natale” (che ci ha anche aiutato a dare la nostra immagine moderna a Babbo Natale).