Un regalo che resta nel tempo: i regali solidali di Natale

Non è più una rarità o un’eccezione, per fortuna, che si scelgano regali solidali di Natale, nel rispetto del vero spirito di questa festività, che è appunto quello della condivisione, della fratellanza, dell’amore e del dono.

Invece di acquistare oggetti che non ci servono, solo perché dobbiamo avere dei pacchetti sotto l’albero, proviamo a cercare dei regali natalizi il cui valore travalichi quello della cosa in sé e divenga un aiuto concreto a sostegno di una causa sociale.

Le cause in questione possono essere le più disparate: l’aiuto alle popolazioni che nel mondo sono afflitte dalla guerra o dalla povertà endemica; il finanziamento ai soccorsi in caso di calamità naturali; la cooperazione contro la malattia che magari colpisce specifiche fasce della popolazione (come i bambini); il sussidio alla causa ambientalista o animalista; etc.

È possibile scegliere di acquistare i propri pensierini per Natale da onlus a carattere nazionale o internazionale, che magari vantano un impegno ormai decennale alle spalle, oppure da associazioni locali, magari giovani, che si impegnano altrettanto concretamente in territori più circoscritti.
Nell’uno come nell’altro frangente la cosa migliore sarebbe avere dei riscontri sulla reale genuinità delle attività svolte, cosa sicuramente più facile col secondo tipo di realtà descritta che non con la prima, che proprio per la sua grandezza e per l’ampiezza delle aree di impegno, è difficilmente “monitorabile”.

Regali solidali di Natale: c’è solo l’imbarazzo della scelta!

Anche l’offerta dei regali di Natale solidali è diventata col tempo via via più ampia.

Ad esempio, se non ci si vuole discostare dal regalo alimentare, si possono scegliere:

1. i panettoni e pandori di:

  • Terre des Hommes Italia ONLUS, la fondazione in prima linea per proteggere i bambini dalla violenza e dallo sfruttamento con progetti in Italia e nel mondo
  • Cifa (Centro Internazionale per l’Infanzia e la Famiglia), ONG che si occupa di adozione e cooperazione internazionale
  • Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini ONLUS (UGI), che assiste e promuove ogni iniziativa volta a migliorare l’assistenza medica e sociale di bambini/adolescenti malati di tumore e le loro famiglie
  • Lega Nazionale per la Difesa del Cane, una delle più importanti e antiche associazioni animaliste italiane

2. il cioccolato e i dolciumi di:

  • Gruppo Sensibilizzazione Handicap Cooperativa Sociale Onlus, che si occupa di persone disabili attraverso percorsi educativi ed assistenziali
  • Croce Rossa Italiana, Associazione di promozione sociale nata nel XIX secolo

3. le ceste natalizie, i vini e gli spumanti di:

  • Cesvi Fondazione Onlus, che opera in tutto il mondo per tutelare i diritti umani e sostenere le popolazioni più vulnerabili
  • N.A.D.I.A. Onlus, che per lo scorso Natale 2018 ha proposto delle confezioni natalizie ricche di generi alimentari: CONFEZIONE PICCOLA, MEDIA o GRANDE a partire rispettivamente da 20, 30 e 40 euro (con costi di spedizione a carico dell’acquirente

4. i prodotti di cartoleria e cancelleria:

  • Shopper, tazze, portachiavi, come quelli di Apeiron, che dal 1996 si impegna quotidianamente in Nepal per realizzare un mondo dove donne e uomini abbiano pari dignità e opportunità
  • Agende, taccuini, quaderni e libri, tra cui quelli di StayAleeve Onlus, un’associazione di ragazzi e ragazze che lottano contro il suicidio giovanile
  • Calendari, proposti ad esempio da Good Samaritan Onlus, che promuove il sostegno a distanza e realizza progetti di sviluppo in Nord Uganda, in collaborazione con l’ONG ugandese Comboni Samaritans

5. le T-shirt e le felpe, come quelle di:

  • Legambiente, l’associazione di cittadini che si battono per migliorare la vivibilità dell’ambiente e per garantire la salute della collettività…

Non è detto poi che la solidarietà debba contraddistinguere solo Natale e Pasqua, potendo invece caratterizzare anche altri momenti, più intimi, della nostra vita, come nel caso di matrimoni, battesimi, comunioni, cresime, etc.

Tutte le realtà che abbiamo citato infatti, offrono anche la possibilità di impreziosire queste ricorrenze scegliendo delle bomboniere solidali, corredate da confetti e bigliettini all’uopo.

E per invogliare ulteriormente all’acquisto di regali solidali di Natale sappiate che alcuni di questi sono soggetti anche ad agevolazioni fiscali, per cui sono detraibili dal reddito imponibile netto (dal 2018 la percentuale di detrazione è aumentata ed è pari al 35%).